top of page

Iniziare a fumare la pipa

Da sempre sei affascinato dal mondo della pipa da tabacco? Non hai ancora intrapreso questo viaggio perchè hai dubbi o domande alle quali non hai ancora trovato risposta? Tabaccheria La Pipa - Tabacchi e dintorni proverà a guidarti nei primi passi da intraprendere per cominciare a fumare la pipa.

Se sei già un fumatore della pipa potrai comunque trovare spunti e consigli interessanti per rendere sempre più piacevole ed appagante l'esperienza della tua fumata.

Pipa Rinaldo Collezione Silver Line
  • Facebook

Le prime domande che ci vengono in mente sulla pipa

Come è fatta una pipa?

La pipa è sostanzialmente composta da una camera dove avviene la combustione, denominata fornello, da un sottile stelo forato, detto cannello e da una parte terminale, che il fumatore porta alla bocca, chiamata bocchino.Il bocchino si innesca nel cannello attraverso il tenone. Alcuni modelli prevedono anche la possibilità dell'aggiunta di un filtro. 

Come funziona una pipa? Quali sono i suoi componenti?

La testa ed il cannello sono ricavati in un unico pezzo dal ciocco. Nella testa viene scavato il fornello dove si carica il tabacco. Sulle sue pareti, a forza di fumare, si formerà uno strato di carbone. Tramite il condotto, che funge da camera di condensazione, il fumo passa nel sistema di filtraggio (un tubetto o uno spinotto metallico) che ne regola il passaggio. L'innesto, detto anche flock, è la parte del bocchino, molto fine ed estremamente fragile, che con precisione si inserisce nel cannello. Il bocchino si trova nella zona dell'imboccatura, che è la parte che viene tenuta fra le labbra; un piccolo dente alla sua estremità rende più facile sostenere il peso della pipa. 

Quali materiali si usano per fare una pipa?

I materiali con i quali si può costruire una pipa sono molteplici. I più comuni sono: radica di erica arborea, schiuma di mare (sepiolite), argilla, ciliegio o marasco, ulivo, zucca, pannocchia di mais e altri materiali. Le pipe di vetro sono diventate anche una forma di espressione artistica, sebbene siano raramente usate per fumare del tabacco.

Il materiale più adoperato è comunque la radica di Erica Arborea. L'Erica Arborea è un arbusto di circa tre metri e cresce in svariate regioni del Mediterraneo come Sicilia, Calabria, Toscana, Liguria e Grecia, in zone collinari ed esclusivamente allo stato selvatico. Per realizzare le pipe vengono utilizzate la radice e le parti bulbose, chiamate ciocchi, e che hanno il pregio di fornire un legno durissimo, leggero ed estremamente resistente al calore. I ciocchi sono tagliati in abbozzi che vengono bolliti, selezionati ed infine messi ad asciugare e stagionare in stanze con temperatura ed umidità costanti per molti mesi. Creatività e manualità sono alla base della realizzazione di una pipa. Per questa ragione e per la particolarità stessa della materia prima adottata, tutte le pipe sono differenti fra loro. I pezzi unici da collezione sono ricavati da rare placche di radica di grandi dimensioni, perfette e con caratteristiche estetiche particolari come le venature dette a "fiamma" o i puntini ad "occhio di pernice.

prime domnde

Ci sarà sicuramente capitato di vedere pipe dalle forme più strane sui giornali, nei film...come ad esempio la pipa di Gandalf nel Signore degli anelli! Ecco quindi sorgere una potenziale e lecita domanda: che forma hanno le pipe? Le pipe possono essere classificate in base alla loro forma? Quali sono i modelli di pipa da tabacco più comuni?

Inoltre, come accade per tutti gli oggetti di un certo valore, non mancano le finiture il cui scopo è di rendere l'oggetto più pregiato ed in alcuni casi addirittura unico. Tuttavia la domanda che forse ci viene più spontanea ed alla quale vorremmo trovare risposta è: ma quanto costa una pipa?

Pipa Calabash.png

Download the app now!

You can easily add your own content to this paragraph. Click on "Edit Text" or double click here to make it your own.

Get Updates

Get the latest app version, news & updates. Subscribe to our newsletter.

Thanks for submitting!

  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram
  • LinkedIn

Pipa Calabash

Modelli di pipe più comuni, finiture delle pipe e prezzi

I modelli di pipa da tabacco

Per classificare le pipe ci si riferisce ad alcune delle loro caratteristiche fondamentali che permettono di suddividerle in famiglie, modelli e loro abbinamenti.

BILLIARD - La più diffusa, diritta ed equilibrata con le pareti della testa verticali.

BENT - La curva per eccellenza, molte le possibili variazioni della testa.

CANADIAN - Simile alla Billiard, ma con classico cannello lungo e bocchino corto.

APPLE - Dalla testa molto arrotondata, si abbina spesso con altre famiglie.

BULLDOG - Spesso con cannello quadro e con la classica scanalatura sulla testa.

POT - Con testa bassa e le pareti molto spesse rispetto alla Billiard.

FREEHANDS - Sono spesso capolavori, fatti a mano e derivano da ciocchi molto pregiati. Le forme che si possono incontrare sono moltissime e tutte diverse fra loro.

Le finiture della pipa da tabacco

Le finiture delle pipe da tabacco si distinguono per lavorazione  e per colorazione.

Finiture di lavorazione superficiale

1) Liscie semplicemente lucidate, si possono notare le venature ed i nodi della radica al naturale.

2) Sabbiate con un fine getto di sabbia calda che scava le venature del legno più tenere evidenziando in rilievo quelle più dure.

3) Rusticate manualmente con un utensile che scava il legno ottenendo un effetto frastagliato irregolare o dei disegni scolpiti, ispirati dalle forme del ciocco.

Finiture di colorazione superficiale

1) Naturali lucide od opache dove viene mantenuto il colore naturale della radica e che tende a scurirsi col tempo, fumando.

2) Colorate con toni che esaltano le differenze fra le venature con miscele di terre marroni, nere, ocra ecc.

3) Gommate con un fine strato di colore sulla radica.

Quanto può costare una pipa?

Una buona pipa rende l'esperienza della fumata molto più piacevole. È vero che non è necessario spendere molto per una pipa, ma se la si usa quotidianamente o anche solo un paio di volte alla settimana, vale la pena investire in qualcosa che duri più a lungo e che offra un'esperienza complessivamente migliore.

Una buona pipa da fumo dovrebbe essere realizzata con materiali di alta qualità, come la radica. La radica è resistente al calore e brucia lentamente. Questo fa sì che possa durare per anni prendendosene cura e praticando una pulizia adeguata e regolare nel tempo.

Il costo di una pipa da fumo in radica può variare dai 90€ ai 300€ a seconda della qualità e della lavorazione. 

Il prezzo di una buona pipa da fumo dipende oltre che dal materiale utilizzato anche e in buona parte dal design della pipa stessa. 

Per quanto riguarda i design, sono disponibili molti tipi diversi, da forme semplici come tubi dritti o piegati, fino a design ornati con intagli e incisioni dettagliate. In questo caso i prezzi possono anche arrivare a migliaia di euro.

Pipa Rinaldo Collezione_1.png
modelli e finiture

La mia prima pipa

E' del tutto lecito avere a questo punto un po' di confusione e porsi la domanda: ma quale pipa è meglio per cominciare a fumare? Vediamo quindi di dare ora qualche indicazione utile per orientarvi nella scelta della prima pipa giusta per chi inizierà a fumare.

Le pipe da tabacco sono un ottimo modo per gustare il proprio tabacco preferito. Sono disponibili in molte forme, dimensioni e materiali. Il tipo più comune di pipa da tabacco è la pipa in radica.

Pipa dritta o pipa curva?

Per chi comincia è consigliabile una pipa dritta, regolare, di media dimensione e di medio costo. Siccome la pipa necessita di "riposare", soprattutto per asciugare, è bene che chi comincia ne abbia due. Una può essere a finitura liscia, l'altra sabbiata.

La pipa sabbiata è meno delicata, più leggera e disperde il calore su una superficie maggiore.

Per quanto riguarda le pipe curve è consigliabile acquistare un po' di esperienza. Queste pipe danno un fumo più fresco, richiedono maggiore cura nella pulizia. Le pipe sabbiate e rusticate sono solitamente leggere, più robuste e si sporcano decisamente meno. Sono quindi molto adatte per essere usate durante i viaggi o semplicemente passeggiando.

Le pipe di grandi dimensioni si fumano meglio, ma pesano e sono adatte quindi ad essere usate in casa o dove sia in generale comodo sorreggerle con le mani. 

La prima pipa

Con quale tabacco da pipa iniziare a fumare?

Il tabacco è un componente fondamentale da scoprire a poco a poco. Infatti, anche fra i trinciati per pipa, esiste una grande varietà e possibilità di miscelazione, per cui si scoprono sempre nuovi e piacevoli aromi. I vari tabacchi possono essere suddivisi in quattro famiglie principali che prendono il nome dalle rispettive zone di origine:

Virginia, Kentucky, Burley ed Orientali.

I tabacchi che si trovano in commercio sono già delle miscele equilibrate, con aromi molto vari. Non ci sono delle regole precise riguardo l'aroma; piuttosto si deve considerare il taglio del trinciato. Quello medio-grande è consigliato perché brucia lentamente e quindi scalda meno. Solitamente si acquista il tabacco in busta o in scatola; è importante una volta aperta la confezione mantenere il tabacco in perfette condizioni. Deve essere preservato dal calore e mantenuto al giusto grado di umidità riponendolo in appositi contenitori sigillati e dotati di un buon umidificatore.

Il Burley se non fosse un tabacco dolce aromatico con meno corpo sarebbe un buon punto di partenza.

Se stai passando dalle sigarette al tabacco, un Cavendish è un buon punto di partenza grazie alla loro convenienza e al profilo leggero che imita la sensazione, sulla lingua, di fumare una sigaretta.

Con quale tabacco inizare